Likemimagazine meets | Mjriam Bon

Mjriam Bon

Quinto appuntamento dedicato al mondo di Neubau Eyewear qui su Likemimagazine. Abbiamo incontrato Mjriam Bon, ex modella e ora fotografa, scelta da Neubau Eyewear per un progetto che ha coinvolto 30 protagonisti in un esperimento fotografico, oltre che sociale, catturando pensieri e sguardi attraverso le lenti, sia della macchina che degli occhiali.

A vederla camminare per le strade del centro di Milano, fra i vicoli di C.so Magenta e la maestosa basilica di S.Marie delle Grazie, elegante nella sua semplicità riservata, non si fatica a capire perchè sia stata per molti anni un volto noto dell’alta moda. Quella fatta di passerelle gremite, flash e canoni di bellezza ferrei. Ma di freddo e scostante non c’è nulla in quel grande sorriso che ci accoglie nella sua casa-studio a due passi dal Cenacolo leonardesco.

Mjriam Bon è nata e cresciuta a Venezia nonostante i capelli biondissimi, i tratti e il nome suggeriscano origini diverse. A 16 anni si è trasferita a Milano e ha viaggiato per il mondo come modella, fino alla decisione -naturale, ci dice- di passare dall’”altro lato” ed esprimere la propria creatività dietro alla macchina fotografica. L’abbiamo intervistata e ci siamo fatti raccontare qualcosa del suo ultimo progetto “30 shadows of 30 Shades of Urban Attitude

PER VEDERE LA VERSIONE VIDEO DELL’INTERVISTA A MJRIAM BON CLICCA QUI.

Mjriam Bon

Una vita passata davanti all’obiettivo come apprezzatissima modella. Poi il passaggio, che non per tutti è naturale, dietro alla camera. Cos’è scattato in te?
Ho sempre avuto la passione per la fotografia. Negli anni da modella portavo con me una macchina analogica per poter ritrarre tutto ciò che mi affascinava: indossatrici, vestieriste, truccatrici, il backstage. Foto in posa o rubate. E poi me la portavo in valigia, nei viaggi, nelle trasferte in giro per il mondo per lavoro e in vacanza. Solo qualche anno fa però, appese “le scarpette al chiodo”, ho deciso di dedicarmici completamente.

Un ruolo molto diverso in un ambito in cui lavori da molto tempo. Quali sono le tue esperienza da modella che ti hanno più segnata e ti hanno fatto capire che la tua strada era quella della fotografia?
La mia esperienza nel mondo della moda è stata un percorso fatto di alti e bassi. Ho iniziato giovanissima; a volte ne sono stata vittima, cadendo nel tranello dell’omologazione e della ricerca dello stereotipo ad ogni costo, soprattutto nelle misure canoniche e nella taglia.

È stata la nascita di Curvy Can a dare la svolta. Con un gruppo di colleghe abbiamo ideato e realizzato un progetto legato all’accettazione di se stessi e alla consapevolezza di sè. Ha avuto un riscontro mediatico molto forte soprattutto sulle donne che vivono problemi legati a disturbi alimentari, anoressia, bulimia e obesità in primis. Un’esperienza molto forte che mi ha fatto viaggiare e portare la mia testimonianza in scuole e centri con l’aiuto di psicologi e medici. Da quel momento ho capito di poter usare la fotografia anche fare del bene.

Attraverso i miei ritratti cerco di esaltare la fiducia dei miei soggetti. Dalle modelle ai liberi professionisti, dalle rockstar agli attori di teatro, dai trend setter della notte alle casalinghe. Ognuno ha la propria bellezza unica e particolare. Mi piace mettere le persone spalle al muro (in senso fisico e figurato), senza una via di fuga apparente, di fronte a me. Cerco di metterle a proprio agio. Le lascio parlare per ottenere un racconto, una sfaccettatura del loro carattere o un loro lato tenuto segreto.

Mjriam Bon

Hai fatto una scelta molto precisa ed impegnativa, specializzandoti nei ritratti. Perchè?
Prediligo i ritratti perché sono affascinata e attratta dalle facce, dagli sguardi e dai sorrisi. Uno sguardo può raccontarti moltissimo di un’intera vita. Sono convinta che tutti dovrebbero avere un ritratto di se stessi per immortalare un momento, per fermare il tempo.

Nelle prossime settimane vedrà definitivamente la luce un progetto su cui hai lavorato molto, dedicato ai volti, in collaborazione con Neubau Eyewear. Di cosa si tratta?
Il marchio di occhiali Neubau Eyewear nasce da un luogo (il quartiere viennese Neubau) dove l’individualità e l’originalità contraddistinguono gli abitanti e la creatività e la sperimentazione ne sono una parte fondamentale del DNA. Questa storia mi ha appassionato e l’analogia con Milano è stata lampante. Ho rivisto questi valori nella mia città. Da qui è nata l’idea del mio nuovo progetto fotografico “30 Shades of Urban Attitude”.

É nato in me il desiderio di immortalare tante vite e tante storie che fanno della nostra città un centro di creatività, innovazione, sperimentazione, passione e impegno. Ho selezionato 30 persone che potessero raccontare al meglio questa storia: 30 volti, 30 scatti, 30 personaggi del mondo dell’arte, della moda, del design, della cultura urbana che indossano gli occhiali e tramite questi si fanno portavoci di uno stile di vita fresco, pulito, audace e creativo. Come Neubau e come Milano. 30 vite interessanti e diverse, accomunate dalla passione per ciò in cui ognuno è impegnato. 30 vite da raccontare attraverso il mio obiettivo. Insomma un esperimento sociale oltre che fotografico, che disegna pensieri e sguardi attraverso le lenti. Degli occhiali e della macchina fotografica.

Mjriam Bon

Cosa ti ha spinto a sceglierlo e cosa ne pensi delle collaborazioni che sempre di più i brand portano avanti con artisti e performer, supportando la nascita contenuti originali e coerenti?
La curiosità innanzitutto. “30 shadows of 30 Shades of Urban Attitude” è un modo molto interessante ed efficace per svilupparla. La curiosità mi spinge a cercare oltre le apparenze: uno sguardo in più, una luce negli occhi un po’ nascosta dalla timidezza o dal ruolo che si ha nella società. Penso che se un brand non si pone come un classico committente ma accetta e comprende lo spirito autentico dell’artista, lasciandolo operare liberamente con la propria creatività, trova un modo unico e molto efficace per raggiungere il suo target. E l’arte ha nuove vie per diffondersi e crescere.

Il fenomeno della gentrificazione sta trasformando intere aree urbane -un tempo zone popolari ed industriali- in veri e propri centri artistici e culturali. Quali sono le città che ti hanno più ispirata e in cui vivresti?
Nella mia carriera da modella ho viaggiato molto. Le città che mi hanno ispirata di più sono state Londra e New York. Cosi diverse tra di loro e così diverse dall’Italia, alla quale sono legata indissolubilmente. A New York andrei a vivere anche domani per l’atmosfera che si respira e per l’opportunità di poter riuscire a fare ciò in cui davvero credi. Resto però una viaggiatrice con la voglia di tornare.

Considereresti anche un progetto fotografico dedicato alle città e la creatività che in esse sta nascendo?
Al momento mi sono specializzata nei ritratti perché è la cosa che mi appartiene di più però in futuro, perchè no? Come detto, la curiositá è il motore che mi muove ed esplorare nuove strade è una conseguenza naturale.

Qual è il prossimo progetto su cui lavorerai, o su cui ti piacerebbe lavorare?
Amo la fotografia come amo l’idea di poter lanciare dei messaggi positivi attraverso di essa. Il mio prossimo lavoro -che ho già iniziato a progettare- sarà un progetto legato al sociale. Al momento non voglio svelare molto di più.

PER VEDERE LA VERSIONE VIDEO DELL’INTERVISTA A MJRIAM BON CLICCA QUI.

Annunci

2 thoughts on “Likemimagazine meets | Mjriam Bon

  1. …personalmente, non mi sento in grado di commentare ciò che mi sembra già così chiaro ed esauriente.
    Forse perché, in qualità di artista, per certi versi, mi ci rivedo introspettivamente…
    Qualsiasi obbiettivo, qualsiasi vetta raggiunta comporta un viaggio, nel quale un individuo ha l’occasione di conoscere o ritrovare se stesso, per poter dare un senso personale e reale alla propria vita, mettendosi alla prova e rimettendosi in gioco ogni giorno più….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...